Frigorifero DIY

Di recente ho cambiato casa, ho dovuto arredarla tutta di sana pianta,  in realtà non ho ancora finito di comprare mobili e pezzi di arredo. Li prenderò un po’ per volta, prima o poi finirò, per adesso ho solo l’essenziale per poterci vivere, qualche scatolone ancora imballato e l’eco che rimbomba nelle stanze vuote.

La casa si sviluppa in:  salotto, camera da letto, bagno, seconda camera che ho adibito a studio, sala da pranzo e cucinino. Ecco, l’unico neo della casa è quella piccola stanza rettangolare che si sviluppa dentro la sala da pranzo chiamata “cucinino” (odio la parola stessa) dove più di 2 persone non possono starci a cucinare, mi sarebbe, invece, tanto piaciuta una cucina grande in un open space.

Dopo giorni a prendere misure di tutte le piccole cucine che potevano piacermi ho realizzato che il frigorifero non potevo mettercelo, dovevo scegliere tra piano di lavoro, nel cucinino, o frigo. Chi ama cucinare sa quanto è importante il piano di lavoro vicino ai fornelli e al lavandino, così il frigo non potevo che metterlo fuori, nella sala da pranzo. Ma come potevo unificarlo al resto dell’arredo in stile shabby chic? Che frigo potevo prendere? solo uno SMEG in stile vintage color azzurro mi sarebbe piaciuto, azzurro carta da zucchero come la parete della stanza. Ma dovevo comprare così tante cose, e quel frigorifero è costoso, non potevo sforare il mio budget, e se poi fosse stato un punta di colore troppo diversa dalla mia parete? Presa dallo sconforto sapevo di dovermi accontentare di un frigo qualsiasi, bianco.

E poi all’improvviso il colpo di genio, “Ma siiii lo porto in carrozzeria, solo loro posso cambiare colore ad un frigo come se fosse una macchina!!” .

Così dopo avere preso un frigorifero, non molto costoso da Media World, lo carico in macchina con l’aiuto del mio ragazzo (ok, vabbè lo ha caricato lui da solo),  arriviamo in carrozzeria suscitando  tra i ragazzi che ci lavorano un po’ di scompiglio ” Cioè mi stai dicendo che vuoi verniciare il frigorifero? Ma veramente lo dici?” Dopo qualche risata e foto del frigo da condividere con i loro amici su whatsapp, ecco finalmente che mi accontentano.

Hanno voluto il secchio di colore che mi era rimasto della parete, e hanno usato quello  mescolandolo ad un loro prodotto.

image

image

image

Così con meno di 50 euro ho avuto un frigorifero dello stesso colore del muro. C’è solo un unica nota dolente: la garanzia. Ecco la garanzia potete strapparla, bruciarla, buttarla nel cesso e tirarci lo scarico, perché non vale più se decidiate di verniciare un frigo nuovo, come ho fatto io. La sala da pranzo è ancora un po’ spoglia, in quel muro colorato andrà una grande credenza bianca, il tavolo e le sedie sono in legno color rovere e bianco, stesso colore che ho scelto per la cucina. Quando finirò di arredarla, faremo un tour insieme per farvela vedere.

 

image

 

 

 

Annunci

37 pensieri su “Frigorifero DIY

  1. Ciao, ma che bella idea..sinceramente che la garanzia vada a bruciarsi. Nemmeno io amo il frigo bianco, non so mi sa di poco stile. Io amo la marca SMEG, ma vidi un tostapane di questa marca (un tostapane dico) e costava un occhio della testa, figuriamoci il frigo! Ti seguo volentieri, un bacio

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...